IPv6: Com’è la Situazione Italiana ?

ipv6 italia

Un paio di giorni fa abbiamo parlato del lancio ufficiale del protocollo IPv6 in tutto il mondo e di come le maggiori aziende del settore stiano adeguando i propri apparati, sia hardware che software a questo cambiamento. E cosa stanno facendo invece i provider di rete italiani? La situazione ovviamente ha tutta l’aria di essere in stallo, infatti i maggiori operatori italiani stanno distribuendo bellamente ancora apparati domestici (router e modem) adatti a consentire l’accesso solo al protocollo IPv4, che ha ormai esaurito da un anno gli indirizzi IP disponibili.

Per questa situazione e perchè fidarsi è bene, non fidarsi è meglio, la nostra paura è quella che ci ritroveremo a dover sistemare ogni cosa solo all’ultimo momento con la sola certezza che saremo noi a pagare per il ritardo dei nostri operatori che sembrano sempre voler procrastinare i problemi, anzichè prevenirli. Vediamo però nello specifico di questo caso però, come stanno reagendo e cosa stanno facendo gli operatori nel nostro bel paese… forse non è tanto male come sembra il loro operato.

Telecom Italia, la nostra amata/odiata ex monopolista, si sta aggiornando progressivamente per adeguarsi a questa tecnologia: ha già predisposto l’IPv6 sulle proprie dorsali di rete e per quanto riguarda le interconnessioni con le reti di altri operatori. Niente male in fondo, ha anche vinto il premio internazionale “Global Telecom Business (GTB) Innovation Award 2011”, per l’introduzione della tecnologia Dual Stack Lite, che permette di incapsulare pacchetti IPv4 all’interno dell’IPv6, in questo modo la transizione dall’una all’altra versione dovrebbe essere del tutto ammortizzata.

Entro la fine di quest’anno la rete fissa di Vodafone potrà agilmente supportare entrambi gli standard del protocollo, anch’essa in modalità dual stack, ovvero permettendo a noi utenti finali di avere contemporaneamente due indirizzi, sia quello IPv4 che quello IPv6. Per quanto riguarda la rete mobile l’IPv6 debutterà, sempre per la fine dell’anno, sulla rete di quarta generazione LTE.

L’operatore Wind Infostrada è forse il provider che lavora da più tempo per abilitare la tecnologia IPv6 sulla propria rete fissa e su quella mobile, l’azienda non ha ancora fatto sapere molto in realtà, al momento, ma in quanto membro della Task Force italiana per IPv6 non dovremmo preoccuparci troppo.

Fastweb sembra invece essersi data gran da fare, ha infatti deciso di dare la possibilità ai suoi utenti di creare un tunnel IPv6 tra il proprio PC (o router) e i server di Fastweb per navigare nel mondo IPv6. Le spiegazioni sul sito, potete trovare tutte le informazioni necessarie a questo indirizzo, ma diffidiamo comunque gli utenti meno esperti nel tentare la sperimentazione.

Offerte ADSL in Promozione

Lascia un commento