ADSL in Italia: Cosa ci Aspetta nei Prossimi Anni

Futuro in Italia di ADSL

Amici affezionati lettori di Confronta ADSL, l’articolo di oggi riprende il filo conduttore di molti articoli che in passato abbiamo già pubblicato, che è quello di cercare di schiarire lo scenario delle ADSL in Italia per chi non è addetto ai lavori. A giudicare dal numero di commenti che giornalmente giungono sul nostro sito (mediamente 3-4 nuovi commenti e richieste al giorno) le domande sono molte, ed è davvero complesso farsi luce in un mondo così intricato come quello delle Adsl e della connettività ad Internet.

Se è vero che – da un lato – siti come il nostro hanno l’obiettivo di analizzare, tentare di spiegare e di leggere fra le righe delle offerte ADSL dei numerosi gestori sul campo nazionale, e altresì vero che dall’altro lato ogni giorno spuntano nuove offerte, con clausole e postille che non facilitano per nulla il compito di chi si trova a dover scegliere un nuovo contratto ADSL. Non per niente da ormai più di 6 mesi abbiamo pubblicato lo Strumento di Comparazione delle ADSL che, guardando nelle statistiche di utilizzo del nostro sito, viene consultato ogni giorno da numerosi visitatori in cerca della promozione adsl adatta alle proprie necessità.

Il nostro compito è dunque quello di trasferire la professione che ogni giorno svolgiamo nell’installazione delle linee ADSL, e di mantenere fresco e aggiornato lo strumento di comparazione, in modo che tutti noi si possa avere uno specchietto di riferimento utile a fare le proprie scelte.

Ma, tornando al titolo dell’articolo di oggi, cosa ci aspetta nei prossimi anni nel tumultuoso settore dell’innovazione tecnologica a favore dell’espansione delle ADSL in Italia, e di conseguenza della riduzione del cosiddetto “digital divide”?

ADSL in Italia: cosa ci aspetta nei prossimi anni

E’ impossibile non notare (non senza disappunto) che ogni settimana viene pubblicata una notizia che pare contrastare con la notizia precedente: clamoroso in questo senso è il continuo dibattito sull’ampliamento e il potenziamento di nuove centrali, che viene seguìto dalla notizia che sono in aumento i costi di attivazione degli abbonamenti alle linee telefoniche (sulle quali come ben sappiamo, si appoggia il servizio dati che fa viaggiare la linea ADSL).

In questo senso la situazione della banda larga in Italia si fa sempre più caotica, con un continuo rimbalzo fra notizie vere e poi smentite… se Telecom Italia continua a gestire la maggior parte della connettività sul territorio nazionale, è anche vero che le compagnie alternative stanno cercando di muoversi nella direzione di poter offrire servizi “in parallelo” al principale operatore italiano. A questo proposito è esemplare il nuovo sforzo dell’operatore Fastweb il quale sta preparando (e già lanciando sul mercato) il nuovo servizio Fastweb Fibra 100 che permetterà di avere connettività a 100 Mega (per ora purtroppo solo nelle principali provincie italiane prescelte per questo nuovo servizio).

E che fare per chi non abita in un grande centro, servito dai servizi tecnologicamente più innovativi?
Le persone sembrano sempre più interessate a navigare a grandi velocità, ma soprattutto a navigare in mobilità, ed infatti alcuni centri di ricerca stanno studiando il modo di sfruttare al meglio le onde radio per offrire servizi di navigazione mobile sempre più evoluti (si veda a tal proposito l’esperimento sulla rete mobile a Torino).

Come Scegliere il Contratto ADSL “ideale”

Facendo dunque tesoro di tutte le esperienze accumulate “sul campo” negli ultimi 3-4 anni, e anche sommando tutte le tipologie di richiesta che ci giungono sul sito ogni giorno, ci sentiamo di proporre a voi – cari lettori – un piccolo specchietto che possa aiutarvi a muovervi nella condizione migliore per scegliere il contratto ADSL più adatto alle esigenze personali di ognuno. Le risposte che seguono sono redatte in modo semplice, stringato, con l’intento di rendere i termini più tecnici comprensibili a tutti. Se ci sono delle domande più specifiche, oppure se qualcosa non vi è chiaro, non esitate a porre la vostra domanda nello spazio sottostante.

Meglio la linea ADSL o la Chiavetta Internet Key?
Se abitate in una grande città, oppure in un centro provinciale vicino alla città, meglio la linea ADSL. E’ stabile, testata, comprovata, e alla fine anche più economica. Se abitate in periferia, in collina, in montagna o comunque in una zona lontana dalla grande città, ADSL potrebbe (ripetiamo il “potrebbe”) avere problemi di caduta di performance. A quel punto si può pensare di utilizzare la chiavetta o la connessione via onde radio.

A che velocità può andare la Chiavetta Internet Key?
Dipende se è disponibile il segnale UMTS/HSDPA (anche conosciuto come 3G). Se è disponibile il segnale (e potete verificarlo con un telefonino UMTS) allora la linea potrà viaggiare in condizioni teoriche fino a 14,4 Mega. Inoltre l’HSUPA, l’HSPA Evolution e l’LTE sono in arrivo (quest’ultima quantomeno in fase di test e sperimentazione) preparando il terreno per ulteriori potenziamenti delle reti mobili.

E’ meglio la linea ADSL 7 Mega o la 20 Mega?
Anche in questo caso la risposta va cercata nelle condizioni geografiche: se abitate in un grosso centro, la 20 Mega funziona alla grande! Se abitate lontano dai grandi centri abitati, meglio la 7 Mega che è più stabile e comprovata. Fate riferimento ai tanti Test Adsl che trovate sul nostro sito, per avere dei termini di paragone.

A che velocità andrà ADSL nei prossimi anni?
Le tecnologie progrediscono e le innovazioni aumentano, e possiamo sperare che nel futuro la velocità di 100 Mega diventi una realtà diffusa. Il vero problema in Italia non la velocità massima, perchè 20 Mega sarebbero più che sufficienti se fossero capillarizzati su tutto il territorio. Speriamo dunque che le compagnie investano di più sulla diffusione della banda larga che sulla velocità massima raggiungibile da pochi eletti.

Qual è la migliore ADSL sul mercato?
La risposta a questa domanda è: qual è la linea ADSL più idonea alle proprie esigenze, anche in funzione delle condizioni geografiche. Tenete presente un parametro importante: se abitate sulla punta di un paesino sperduto nelle Alpi o nelle Dolomiti, oppure in paesino dell’Appennino, cambiare operatore servirà a ben poco perchè la linea su cui viaggia la vostra ADSL… è sempre la stessa! Quindi scegliete un buon operatore, con una buona offerta in promozione, e puntate alla classica ADSL 7 Mega che al momento è la scelta migliore.

E’ ancora attuale il servizio/protocollo VoIP?
Sì, assolutamente. Anche se non specificato dai gestori, oggi la voce tende a viaggiare sempre di più su Internet, ed ecco perchè è possibile avere una ADSL + Telefono senza linea Telecom a meno di 20 Euro al mese.

Amici lettori, speriamo dunque con questo articolo di aver chiarito alcune delle domande che ci vengono poste, nell’intento di fare luce sul quadro delle ADSL italiane. Se avete altri quesiti, domande, dubbi o chiarimenti, non esitate a scrivere nello spazio sottostante. A presto e… happy surfing!

Offerte ADSL in Promozione

2 commenti »

  1. Alfonso ha scritto:

    18 ottobre 2010 @ 19:29

    Secondo voi qual è il miglior contratto ADSL senza linea Telecom al momento?

  2. salvo ha scritto:

    10 aprile 2011 @ 12:19

    sono un operatore del settore scusate se mi permetto di dare un consiglio guardate poco la pubblicità degli operatori telefonici, ad oggi gran parte della rete telefonica italiana si snoda su dei cavi in rame messi in funzione negli anni 60 e quindi poco idonei hai servizi di grande prestazione che i gestori propongono.Con ciò voglio dire che apparte i grossi centri italiani le grandi prestazioni dei servizzi adsl proposti non possono funzionare.

Lascia un commento